Archive for ottobre 2007

Tombolini

ottobre 29, 2007

20070321190101.jpg

Con il tema di oggi il blog tocca il fondo. Oggi spendo qualche parola sulla moviola. Ebbene si! Ma non tutta la moviola, ma solo quella della Domenica Sportiva condotta da l’ex arbitro Tombolini.

Premetto che non sono nè un esperto di calcio nè un tifoso nè seguo assiduamente il campionato o la champions league. Nelle ultime due settimane, naturalmente per caso, ho seguito la Domenica Sportiva. Oltre al fatto che dovrebbe chiamarsi la Domenica Calcistica perchè si parla solo di calcio, buona del tempo della trasmissione è dedicata alla moviola di Tombolini.

Non è improprio dire che quest’uomo è un idiota. Prende fischi per fiaschi, vede cose che non ci sono. Vede calci di rigore che non esistono. Vede la volontarietà in un tocco di mano quando non c’è e viceversa. E’ un uomo senza cervello. E’ incomprensibile come quest’uomo possa aver arbitrato se non riesce a comprendere cose banali neanche a velocità dimezzata. E ancora peggio, non capisco come possa avere un ruolo nella RAI, in base a quali capacità gli hanno dato quel posto. Naturalmente viene puntualmente deriso da Capello e dagli altri ospiti normodotati presenti in studio. Ma questo personaggio era già una macchietta e solo io non lo conoscevo?

The Zephyr Song o El negro zumbon?

ottobre 27, 2007

Grazie ad un amico ho scoperto il bellissimo video della canzone dei Red Hot Chili Peppers.

Sarà la bella melodia o le immagini psichedeliche o forse il ballo ammaliante di una donna che compare ti tanto in tanto…Ma il video è davvero piacevole con un effetto direi quasi sedativo. A pensarci bene mi ricorda il “ballo del negro zumbon” di Silvana Mangano nel bellissimo film Anna (di Alberto Lattuada – 1951) o per lo meno mi fa lo stesso effetto.

Qual è la trama oscura che lega la Mangano ai Red Hot Chile Peppers?

Negli arcobaleni

ottobre 25, 2007

E’ uscito il nuovo disco dei Radiohead, In Rainbows. Se ne è parlato moltissimo qua e là per il web, non tanto per il disco in se, ma per l’innovativa modalità di distribuzione. Infatti il disco è acquistabile in formato mp3 attraverso l’apposito sito, ma al momento del pagamento, appare questa inattesa finestra:
Up To You
It’s up to you: il “quanto” lo decide l’acquirente! E’ possibile anche scaricarlo gratis, inserendo semplicemente 0.00 nel modulo; per ora l’ho scaricato in questo modo, ma con la promessa che se il disco mi piacerà, lo riscaricherò pagando quello che ritengo giusto. In più sarei certo che i soldi andrebbero direttamente ai musicisti, bypassando gli sciacalli delle case discografiche.
Vorrei però fare un piccolo appunto: a mio avviso la scelta dei radiohead, che è certamente encomiabile da molti punti di vista (soprattutto, a mio avviso, per l’assenza di DRM sulle tracce), presto sarà una scelta obbligata per chiunque voglia fare musica: il tradizionale CD è ormai al capolinea, e con esso gli inutili intermediari, case discografiche e distribuzione, che dovrebbero cominciare seriamente a ripensare al proprio ruolo invece che ad inventarsi improbabili sistemi anticopia.
Per quanto riguarda l’album a livello strettamente musicale, mi sento di consigliare la lettura della critica apparsa su ondarock, fonte inesauribile di conoscenza per gli amanti della musica.

Pecore fuori controllo

ottobre 18, 2007

malga-mezzomiglio-panorama.jpg

Spesso, quando faccio fatica a prendere sonno cerco antichi rimedi. Ultimamente mi sono imbattutto nel “contare le pecore“. Un metodo ben noto che consiste nel contare le pecore che saltano un cancello o uno steccato.

Lo scorrere monotono delle pecore o il loro saltare ripetitivo dovrebbe avere un effetto soporifero, ma non per me. Le mie pecore si rifiutano di saltare. Invece di prendere una bella rincorsa ed effettuare lo stacco in un punto fisicamente accettabile, esse si ostinano ad arrivare a pochi centimetri dallo steccato e si bloccano miseramente all’improvviso per evitare l’impatto.

Non c’è niente da fare. Ho provato di tutto. Ho provato anche con uno steccato più basso, ma niente! Si rifiutano categoricamente un po’ come fanno quei cavalli che si rifiutano di saltare l’ostacolo. Sono disperato ! Perchè non riesco a far fare loro questo?